Una maggioranza che predica responsabilità e competenza ma razzola un’eventuale delibera illegittima

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

24067919_10213718702909452_4365297261582411728_nCon questa nota il gruppo consiliare del MoVimento 5 Stelle paternese, comunica di aver inviato un’istanza indirizzata al Segretario Generale del Comune di Paternò per porre all’attenzione e al contempo avere chiarimenti circa la deliberazione consiliare, avvenuta lo scorso 20 settembre, con la quale è stato approvato il progetto per la realizzazione di un piano di lottizzazione per una media struttura commerciale alimentare in Via dei Pioppi.

 

“Nel giro di una settimana la stessa maggioranza che predicava responsabilità e competenza razzola un’eventuale delibera illegittima – affermano Martina Ardizzone, Claudia Flammia e Marco Gresta – infatti durante l’ultima adunanza del Consiglio Comunale, in seguito all’abbandono  per protesta dall’aula della minoranza dopo che i punti all’ordine del giorno proposti dalla stessa, rinviati “a data da destinarsi” nella precedente seduta, sul problema inerente al software che ad oggi ha paralizzato il lavoro dei funzionari comunali ed all’accentramento delle deleghe assessoriali del primo cittadino non erano stati inseriti – continuano i portavoce M5S – i consiglieri comunali della maggioranza presenti al momento della votazione della delibera concernente il piano di lottizzazione, risultavano essere presenti in 8. Ma, paradossalmente, il regolamento dei lavori dell’assise civica disciplina che in seduta di prosecuzione il quorum strutturale ai fini della deliberazione è ridotto a 2/5 (10) dei consiglieri comunali, è in netto contrasto con lo Statuto Comunale la quale prevede che sia sufficiente per la validità della deliberazione l’intervento di 1/3 (8) dei consiglieri. Quindi poiché in sede di conferenza dei capigruppo il presidente Sambataro, ha affermato come l’organo consiliare debba attenersi strettamente a quanto previsto dal Regolamento dei Lavori del Consiglio – concludono Ardizzone, Flammia e Gresta – abbiamo ritenuto opportuno chiedere al Segretario Generale conseguenti delucidazioni ed eventuali provvedimenti a tale riguardo, al fine di scongiurare altri disagi alla città di Paternò.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *