Incentivi per funzioni tecniche: esposto congiunto Flammia-Lo Presti.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il 06-07-2018 i consiglieri comunali Giuseppe Lo Presti e Claudia Flammia, componenti rispettivamente dei gruppi consilIari Paternò 2.0 e MoVimento Cinque Stelle, hanno presentato un’interrogazione consiliare chiedendo dei chiarimenti in merito a delle somme pari a €5.185,96 attribuite mediante determine dirigenziali redatte dall’Ingegnere Maria Elena Teghini, per funzioni tecniche e trattamento economico accessorio del personale dipendente, non previste ai sensi dell’art. 113, d. lgs. n.50/2016.

“Avevamo specificato che in caso di mancata o non esaustiva risposta avremmo sollecitato le autorità preposte al controllo della pubblica amministrazione e pertanto, poiché ad oggi l’amministrazione non ha provveduto a riferire alcuna risposta, abbiamo segnalato alla Procura Regionale della Corte dei Conti quanto rilevato dalle determine del Settore XII dal 06-07-2017 al 05-04-2018. Il ruolo del consigliere comunale è certamente anche quello di tutelare la dignità della città le cui lacune economiche sono evidenti e non subordinabili.” dichiara il consigliere Lo Presti.

Conclude il consigliere Flammia: “Di fronte ad una simile richiesta di lumi ed alla possibilità di un danno erariale all’ente comunale paternese, il silenzio dell’amministrazione è veramente preoccupante. Il requisito necessario che definisce un’amministrazione quale trasparente è l’interesse nell’informare i cittadini di quanto accade e preservare le casse di un comune già in netta difficoltà. Per questa ragione abbiamo coinvolto anche l’ANAC con una segnalazione della possibile violazione delle norme in materia di imparzialità dei pubblici funzionari. Attendiamo un riscontro del Sindaco, del Presidente del Consiglio e del Segretario Generale perché Paternò merita molto più del silenzio.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *