Diritto alla sepoltura 2.0

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Era il mese di febbraio del 2014, quando dopo diverse segnalazioni di tanti cittadini sulla scarsissima disponibilità di loculi, studiammo il problema “sepoltura” nella nostra città.

 

Come sempre ci attivammo presentando immediatamente un’istanza di chiarimenti presso gli uffici comunali nella fattispecie il “Settore IV- Servizi Cimiteriali e Gestione del Territorio”.

Inoltre vista l’importanza della questione chiedemmo all’amministrazione comunale se si aveva una progettualità per il futuro prossimo del sepolcreto e cosa intendeva fare per il recupero del cimitero Monumentale, visto l’evidente stato di abbandono e degrado in cui versa già da diversi anni.

 

Risposte a queste istanze? Nessuna.

 

Dopo 3 anni di “silenzio tombale”, la giunta Mangano approva la delibera n°389 del 12/12/2016 che ha per oggetto “Proposta di project financing, ai sensi dell’art.183,comma 15 del D.Lgs. n°50 /2016, per gestione ed ampliamento dei due cimiteri di Paternò. Valutazione pubblico interesse”.

In sostanza questa amministrazione sceglie di affidare la gestione dei 2 cimiteri cittadini ai privati.

La prima domanda che sorge spontanea è: “Una scelta politica ed amministrativa così forte che inciderà per i prossimi 30 anni nella vita quotidiana della città, può essere fatta a pochi mesi dal rinnovo delle cariche elettive?”.

In questi giorni quello che più sorprende, non è tanto il dibattito naturale che c’è sulla questione, ma ancora una volta un silenzio assordante del primo cittadino Mauro Mangano.

Ci pare doveroso fare un breve excursus su questa vicenda e fare altre domande all’amministrazione Mangano.

Questa amministrazione nella data del 6/03/2014 ha approvato la delibera N°99 che come oggetto aveva “Progetto di revisione del piano cimiteriale Nuovo cimitero” anno 2014.

Piano cimiteriale che la giunta Mangano aveva dato incarico di aggiornare con nota sindacale prot.n. 1341/Gab del 19/05/2013 al XII SETTORE “TERRITORIO E AMBIENTE”.

Quindi dopo quasi un anno di LAVORO da parte degli uffici, la giunta approva questo piano, lo stesso viene poi mandato in consiglio comunale per l’approvazione definitiva.

Dopo più di un anno e diversi errori compiuti come la mancanza della VAS (valutazione ambientale strategica) e della VIA (valutazione d’impatto ambientale), l’atto approda in consiglio, dove finalmente viene approvata la delibera consiliare n°33 del 04/05/2015 che ridefinisce il Piano Cimiteriale: 384 tombe con 1920 posti, 80 cappelle con 1280 posti e 11 cappelle per le confraternite con 880 posti, e infine i 2.726 loculi.

 

Tutto risolto? Assolutamente NO!

Da quel momento in poi non si sa più nulla. Si aspettano ancora i bandi per l’assegnazione dei loculi che avrebbero scongiurato qualsiasi emergenza che forse fa comodo a qualcuno…

A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca!

 

Dell’attuazione di questo piano cimiteriale, nonostante le continue emergenze, non se ne parla proprio. La città vive di ordinanze sindacali, fino alla data del 12/12/2016.

Data in cui questa giunta approva la delibera (di cui sopra) che dà un preciso indirizzo sulla nuova gestione privata dei sepolcreti: una proposta di Project Financing per la gestione e ampliamento dei due cimiteri cittadini, con tanto di Piano dei costi, Elaborati Grafici e relazioni varie. Sennonché ci si accorge che, così facendo, ovvero privatizzando di fatto il servizio, i costi lieviterebbero in alcuni casi più del 100% poiché il progetto (che dovrà essere messo a gara ad evidenza pubblica) si aggira sui 27 milioni di euro da ammortizzare in 30 anni!

 

In conclusione se ne evince, come prassi ormai consolidata in questo quinquennio da parte dell’amministrazione Mangano, la superficialità nel governare una città importante di cinquantamila abitanti e la mancata programmazione, che sommando i fatti narrati, ne fa una tela di penelope in salsa paternese (lavoro e tempo sprecato da parte degli uffici e commissioni docet), con l’ennesima beffa ai danni dei cittadini di questa città.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *